Melchiorre Cesarotti
Coautore: Salvatore Puggioni

PRONEA.
Componimento epico

 
     
   
La Pronea l'ultima opera di Melchiorre Cesarotti (1730-1808). L'autore, attraverso una finzione derivata dalla figura degli antichi profeti, rappresenta se stesso nell'atto di trascrivere la parola della Provvidenza, che gli appare in visione per svelare i princìpi sovrastanti al grande disegno della storia terrena. In questo senso i successi militari e diplomatici di Napoleone, che all'altezza del 1807 sembrano promettere una stabilità politica di lunga durata, e su scala europea, nell'ottica cesarottiana diventano anche l'occasione per convocare a giudizio le impietose degenerazioni della Rivoluzione francese: l'epoca del Terrore e lo spargimento di sangue protrattosi per anni sono finalmente 'rivelati' come martirio collettivo e pur necessario nell'imminenza del passaggio redentore al tempo nuovo. La Pronea nelle intenzioni di Cesarotti ambisce da subito alla dignità di testamento filosofico e letterario, al di sopra persino dei più celebri Canti di Ossian. Del componimento possediamo una stesura preparatoria di mano autografa e otto edizioni a stampa fatte circolare tra il 1807 e i primi mesi del 1808.
caratteristiche editoriali:
pubblicazione maggio 2016,
formato cm 14 x 21; 280 pp.;
ISBN 88-6058-078-8; € 25,00
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |