Luca Stefanelli

ROVESCI DEL DIRITTO
Il Giorno del giudizio
di Salvatore Satta tra diritto, psicoanalisi e antropologia.

 
     
   

Il giorno del giudizio, capolavoro postumo del grande giurista e scrittore Salvatore Satta, è da tempo riconosciuto dalla critica internazionale più qualificata (tra gli altri Giorgio Petrocchi e George Steiner) come una delle opere più significative della letteratura italiana secondo-novecentesca. Il saggio ne indaga i molti e complessi nodi tematici, biografici e concettuali, alcuni dei quali mai emersi prima, muovendosi tra critica letteraria, storia e teoria del diritto, psicoanalisi e antropologia. È a partire da una piccola smagliatura nella lingua giuridica di Satta, sempre alta e limpida, che la trama del romanzo gradualmente si dipana sotto la lente analitica, rivelando le intricate dinamiche relazionali della famiglia Sanna Carroni e della Nuoro sattiana, con insospettati intrecci tra la rievocazione autobiografica e le teorie giuridiche dell’autore. Luca Stefanelli giunge così ad avanzare alcune ipotesi sulla genesi e sulla struttura del romanzo, e a proporre un’articolata interpretazione del fondamentale concetto di “giudizio”: che in Satta non è solo un concetto, ma anche una poetica e una visione del mondo.

caratteristiche editoriali:
pubblicazione: novembre 2017;
formato cm 14 x 21; pp. 204; ISBN 88-6058-108-2; € 22,00
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |